EVENTI



10-03-2015 / 20-03-2015
Vivere il dono
Venerdì 20 marzo 2015 - Ferrara


 

Venerdì 20 marzo dalle ore 14.30 alle 18.00 all'Aula Magna del Nuovo Ospedale S. Anna “Vivere il dono. ADMO, AVIS e Aziende Sanitarie insieme per nuove ed efficaci strategie nei Centri Donatori di Midollo Osseo”. L’incontro prevede l’assegnazione di crediti ECM. Segreteria Organizzativa: MCR tel 0532 242 418 smc@mcrferrara.org IBMDR (Italian Bone Marrow Donor Registry) ha la finalità di offrire ai pazienti la possibilità di accedere al trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche anche in assenza di un donatore familiare. Allo scopo, cerca di reperire un donatore sano, volontario, non consanguineo, con caratteristiche immunogenetiche tali da consentire il trapianto con elevate probabilità di successo.

A tal fine l’IBMDR si avvale, tra gli altri, di alcuni riferimenti strategici:
• Registri Regionali (RR) o Interregionali
• Centri Trapianto
• Centri Donatori / Poli di Reclutamento

Questi ultimi hanno un ruolo sostanziale:
• nel reclutamento e nella gestione dei donatori
• nelle attività di educazione al dono
• nei processi di selezione medica
• nel mantenimento della privacy

L’IBMDR è in una fase di profonda riorganizzazione per rispondere alla riduzione del numero di donazioni annuali ed il suo rilancio passa attraverso i Registri Regionali. Obiettivo del Registro Nazionale è di raggiungere in tre anni un pool di circa 75.000 donatori ben tipizzati, che possa garantire una ripresa delle donazioni italiane in risposta alle richieste dei Centri Trapianto. Nel piano sangue triennale (2013-2015) della Regione Emilia-Romagna il direttore Claudio Velati ha inserito il progetto: “Donatori midollo osseo e cellule staminali”, coordinato da Andrea Bontadini, responsabile del Registro Regionale, finalizzato al reclutamento di nuovi donatori, secondo le ultime indicazioni del Registro Nazionale.

La programmazione del Registro Regionale dell’Emilia-Romagna, finalizzata a condividere la mission del Registro Nazionale, è stata sviluppata in accordo con ADMO Emilia Romagna e il Centro Regionale Sangue e si è concentrata su tre punti principali:
• nuove iscrizioni per ampliare il pool di donatori qualificati geneticamente in alta risoluzione
• riqualificazione genetica dei donatori di età inferiore ai 30 anni tipizzati in bassa risoluzione
• efficienza dell’attività complessiva del percorso di donazione Sarà oggetto dell’incontro illustrare e discutere le strategie intraprese e per prime adottate dal nostro Centro Donatori di Ferrara (CDFE02) e dai collegati Poli di Reclutamento, in completo accordo tra Azienda Sanitaria e Associazioni di Volontariato.

 

 


 
Informativa estesa sull'uso dei cookies