NEWS



08-02-2011 / 15-02-2011
2011 Anno Europeo del Volontariato
Volontari! Facciamo la differenza


È lo slogan ufficiale selezionato per il 2011 Anno Europeo del Volontariato. Secondo i dati di Eurobarometro tre cittadini su dieci dell’Unione europea sono volontari: quasi 100 milioni di persone che, con il loro impegno, rendono l’Europa un posto più civile e giusto. Per accrescere la consapevolezza sul ruolo fondamentale di questa realtà, il 2011 è stato proclamato Anno europeo del volontariato dal Parlamento europeo. Una scelta importante che denota un’attenzione crescente - almeno in sede comunitaria - verso un settore capace di generare il 5% del Prodotto interno lordo delle economie nazionali e che svolge un ruolo insostituibile nel campo dei diritti umani, della tutela dell’ambiente e della crescita occupazionale.

Solo in Emilia-Romagna sono presenti 2.874 associazioni di volontariato che operano nei settori più diversi: sociale, ambiente, della tutela dei diritti civili e della promozione culturale. Un esercito pacifico di 640.000 volontari che rappresentano circa il 15% della popolazione residente in regione. E sono stime al ribasso, perché tengono conto delle associazioni iscritte nel registro regionalema non di quelle piccole realtà associative impegnate sul territorio in modo meno strutturato.

Tra le associazioni, Avis ha un ruolo di grande importanza in regione. L’organizzazione emiliano romagnola è composta da 351 strutture attive su tutto il territorio e conta oltre 3.000 volontari. Persone che, con il loro impegno quotidiano, garantiscono il funzionamento di una struttura unica nel suo genere: un’associazione di volontariato che svolge un servizio pubblico. Basti pensare che l’87% circa del sangue raccolto in regione proviene da donatori AVIS.

Per saperne di più:

www.europa.eu

www.italiaunita150.it

www.emiliaromagnasociale

 
Informativa estesa sull'uso dei cookies