NEWS


Altre foto
(clicca per ingrandirle)


Allegati scaricabili:

14-03-2014 / 14-04-2014
Avis in visita alla Kedrion



La Delegazione Avis di Forlì, formata dal Presidente Fabrizio Francia (Avis Comunale) e dal Presidente Claudio Lelli (Avis Provinciale) ha partecipato all'evento formativo che si è concluso  con la visita all'Azienda Kedrion.
 
Nell'ottica di una sempre maggior efficienza e di risposta tempestiva agli obiettivi del Sistema Nazionale Sanitario, Avis Forlì ha raccolto l'invio ad incentivare le donazioni di plasma.
 
Infatti a differenza del sangue, il plasma ha una doppia utilità: può essere utilizzato direttamente dagli ospedali, ma anche ceduto alle industrie farmaceutiche per ricavarne i cosiddetti plasmaderivati (veri e propri "farmaci salvavita").
 
Grazie ai nostri Donatori che stanno rispondendo all'appello con la consueta collaborazione e puntualità!
 
 
 
Dal sito di Avis Regionale Emilia Romagna:

"Kedrion, azienda biofarmaceutica italiana specializzata nella produzione di prodotti derivati da plasma umano, ci ha invitato a visitare il suo stabilimento di Bolognara, vicino Lucca. Lunedì 24 febbraio dirigenti dell'Avis Regionale Emilia-Romagna e Presidenti delle Avis Provinciali hanno fatto visita allo stabilimento, con l'obiettivo principale di ricevere una panoramica completa sulle lavorazioni che subisce il plasma ricevuto dalle donazioni. Non è la prima volta che l'azienda apre il suo stabilimento alla nostra associazione, da tempo Kedrion attua una politica di dialogo con le associazioni dei donatori di sangue e con tutti gli attori del Sistema sangue italiano.

Lo staff di Kedrion ha illustrato in modo approfondito tutte le fasi della produzione dei plasmaderivati a partire dal plasma donato e raccolto dai centri trasfusionali di tutta Italia: il processo comincia col ricevimento allo stabilimento delle sacche raccolte che, dopo essere state inventariate, vengono stoccate in celle frigorifere ad una temperatura di -35 gradi centigradi e qui lasciate in deposito fino al momento della lavorazione. La lavorazione del plasma avviene attraverso un processo complesso che permette di ottenere farmaci quali albumina, i fattori della coagulazione, le gammaglobuline, utili per trattare gravi malattie come l'emofilia e le immunodeficienze.

Forse non tutti sanno che il plasma raccolto nei Centri trasfusionali non viene venduto all'azienda farmaceutica ma viene ceduto in "conto lavorazione", il plasma rimane di proprietà pubblica, l'industria lo lavora e lo restituisce sotto forma di farmaci ricevendo come corrispettivo il costo della sola lavorazione. Questo sistema ha un alto valore etico, il plasma raccolto frutto della generosità dei donatori italiani e messo a disposizione gratuitamente, permette al servizio pubblico di ottenere una serie di medicinali molto importanti con anche un sensibile risparmio nei costi di approvvigionamento (i costi della lavorazione del plasma sono inferiori rispetto ai costi da sopportare per l'acquisto diretto dei farmaci sul mercato).

Dopo aver ricevuto una presentazione generale sulla Kedrion i visitatori dell'Avis hanno visitato alcuni reparti di produzione. I reparti sono un concentrato di alta tecnologia, tutti i parametri ambientali sono costantemente controllati per garantire la necessaria sterilità ed assenza di inquinanti ambientali come polvere e microbi. Anche i visitatori hanno dovuto sottostare a ferree regole per poter entrare nei reparti produttivi dello stabilimento: nessun accessorio (orecchini, orologi, collane ecc..), nessun make-up, obbligo di indossare indumenti specifici e sterili e l'osservazione di un comportamento adeguato per non contaminare l'ambiente.
Tutto il processo che va dalla raccolta del plasma fino alla produzione dei medicinali è sottoposto ad un elevato sistema di controllo qualità che ne garantisce la tracciabilità: ogni flacone di farmaco è dotato di un codice a barre che consente in ogni momento di tracciarne la storia, potendo risalire alla singola donazione da cui il prodotto ha avuto origine.

Il seguito della giornata è stato dedicato all'approfondimento di importanti temi di interesse comune quali l'autosufficienza dei plasmaderivati in Italia, il valore etico della donazione volontaria e gratuita e la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti derivati dal plasma, campo in cui Kedrion è attivamente impegnata e sta investendo risorse per la produzione di farmaci cosiddetti orfani, cioè quei farmaci che possono essere utili per trattare malattie rare ma che non hanno un mercato sufficiente per ripagare le spese del loro sviluppo."

 

 
Informativa estesa sull'uso dei cookies