NEWS



07-05-2015 / 18-05-2015
Obesità
Europa a rischio


 

La minaccia dell'obesità, un problema in aumento in quasi tutta Europa, incombe anche sull'Italia, dove entro il 2030 il 20% della popolazione maschile e il 15% di quella femminile rischia di trovarsi in questa condizione patologica. Tali percentuali nel 2010 erano in Italia rispettivamente del 12% e del 10%. E' quanto emerso a Praga, dove oggi è iniziato l'Eco 2015, il Congresso europeo della obesità. I dati più aggiornati della Organizzazione mondiale della sanità (Oms), appena presentati, evidenziano infatti una situazione assolutamente preoccupante per tutto il Vecchio continente, sia per la salute pubblica che per l'impatto sociale che tutto ciò potrà comportare.
Lo scenario peggiore è quello che riguarda l'Irlanda, dove nel 2030 gli obesi potrebbero raggiungere una quota del 48% fra gli uomini e del 57% fra le donne. Si prevede inoltre che quasi tutta la popolazione irlandese nel 2030 avrà problemi di sovrappeso.
Trend di aumento a dir poco inquietanti anche per paesi come la Repubblica ceca, dove per esempio la quota degli obesi è destinata a salire dal 22% al 36%, e la Svezia (dal 14% al 25%) e in particolare la Grecia, dove si prevede aumento del doppio, dal 20% al 40%.
"Sono dati che dovrebbero indurre i governi a promuovere il consumo di cibi più salutari, rendendone anche più accessibile il prezzo" è l'opinione di Laura Webber dell'organizzazione sanitaria britannica Uk Health Forum, che collabora con l'Oms.
L'obesità - come è stato sottolineato oggi a Praga - costituisce uno dei principali problemi di salute pubblica a livello mondiale, importante fattore di rischio per varie malattie croniche (diabete, malattie cardiovascolari e tumori), in costante diffusione non solo nei Paesi occidentali ma anche in quelli a basso-medio reddito.
L'unica notizia positiva dal rapporto dell'Oms pubblicato a Praga giunge dall'Olanda, Paese nel quale nei prossimi 15 anni gli uomini in sovrappeso sono destinati a diminuire al di sotto del 50% del totale, rispetto al 54% del 2010. In calo anche gli obesi: dal 10% all'8% gli uomini e dal 13% al 9% le donne.
Tornando al Belpaese, da sottolineare anche le cifre relative ai cittadini con problemi di sovrappeso: nel 2030 rischia di essere in questa condizione il 70% degli italiani (erano il 58% nel 2010) e il 50% delle italiane (39% nel 2010).

fonte: Askanews
 

 
Informativa estesa sull'uso dei cookies