NEWS



30-06-2017 / 10-07-2017
Fake news, è l’inizio di un cammino di formazione



Il CIESSEVI di Milano ha ospitato ieri il convegno (valido anche come corso formativo accreditato per l’Ordine dei giornalisti) “Comunicazione e fake news: il dovere della verità per l’informazione sociale e sanitaria”.

5 relatori di primissimo piano e provenienti da 5 diversi ambiti hanno analizzato il tema della post-verità e delle bufale, soffermandosi anche sulle implicazioni che esse hanno per chi opera nell’ambito della comunicazione sociale.

  • IMG_20170615_180831
  • DSC_0023
  • DSC_0010
  • DSC_0002

Luigi Ripamonti, di Corriere della Sera Salute, ha raccontato dal vivo della redazione di un grande quotidiano come verificare e controllare, attraverso l’autorevolezza delle fonti, il dilagare – specie sul terreno medico – delle bufale.

Marco Dotti, di Vita non profit, ha allargato l’orizzonte al mondo del no-profit, mentre Francesca Comunello, docente della Lumsa, attraverso anche molti dati presi dalle recenti elezioni americane ha fornito un quadro dettagliato del problema a livello globale.

Ermes Maiolica, al secolo Leonardo Piastrella, ha invece raccontato in prima persona – visto anche il soprannome di “Re delle bufale” – come nasce, si diffonde e diventa virale una ‘fake news’, dal fare leva sulle convinzioni degli utenti al cavalcare temi di grande attualità.


 
Informativa estesa sull'uso dei cookies